sabato 13 giugno 2009

Un portapenne da un tubo di patatine

Buone le patatine!..con la goccia che scende a mo’ di Homer..

..ma quando sono finite cosa facciamo?..buttiamo via il tubo?..no!..fermi, si puo’ riciclare!..per chi ha letto il post della vinavil forse un’idea potrebbe averla..

Materiale:

- tubo piccolo di Pringles
- colla vinilica
- carta da cucina
- smalto o colori acrilici

Procedimento:

  1. Prendere il tubo piccolo e pulirlo bene dalle bricole di patatine rimaste.
  2. Preparare una soluzione di colla vinilica e acqua 1:1 (metà acqua e metà colla), fare delle strisce di carta da cucina e incollarle sul tubo. Se anche scivolano un po’ sulla superficie liscia del tubo non è un problema perché si possono creare delle piccole ondine che daranno poi un fondo particolare.
  3. Asciugato il tutto colorare con colori acrilici come si vuole oppure con uno smalto che non si usa più. Se la carta è molto increspata il colore si stenderà diciamo male, ma l’effetto voluto è proprio quello in modo che sia la superficie sia il colore siano irregolari.
  4. Aspettare che si asciughi il colore e il porta penne è pronto per essere riempito!

E se avete il tubo grande?..si può tagliare all’altezza che si vuole alla base, per avere un primo porta penne, e poi si può sfruttare la parte sopra tenendo come base il tappo di plastica, così si avranno ben 2 portapenne al prezzo di un pacco di patatine!!

Il risultato è questo:

Beh, se volete prendere spunto da questa idea potrete unire l’utile al dilettevole, cioè preparare una bella festa tra amici a base di patatine e poi preparare insieme tanti portapenne!! Buon appetito e buon attacco d'arte!